HOME Notizie Caro parcheggi, i villeggianti ricorrono al Codacons
SAPRI: CARO PARCHEGGI, I VILLEGGIANTI RICORRONO AL CODACONS

Articolo tratto da: "Il Mattino"

Caro spiagge a sud di Salerno. Bagni salati sul litorale da Sapri a Scario, il Codacons minaccia azione legali contro i ticket per i parcheggi. Anche più di 10 euro per sostare la macchina (per qualche ora) al sole e senza alcuna custodia. Quasi impossibile trovare un “posto bianco” per fare una passeggiata sul lungomare di Scario o per tuffarsi nelle acque di Policastro Bussentino, Villammare e Sapri.
I parcheggi a pagamenti imposti lungo la statale 18 (in alcuni casi anche in piazzole erbose e non asfaltate) non fanno altro che aumentare i disagi alla circolazione già in difficoltà per i numerosi accessi alle strutture turistiche e ad alcune attività commerciali. Esplode la protesta di residenti e vacanzieri del Golfo di Policastro per i “ticket selvaggi” imposti dai Comuni: un antipatico dazio di stampo medievale che non giova certamente all’immagine turistica. Strisce blu senza un’equa presenza di zone bianche (parcheggi gratuiti), assenza di servizi di sorveglianza, aree di sosta a pagamento sotto i raggi del sole e senza alcun riparo sono soltanto alcune delle lamentale di chi frequenta le spiagge libere del Basso Cilento.
I responsabili del Codacons del Golfo di Policastro e del Vallo di Diano, raccolte le proteste, invitano i cittadini a conservare le ricevute rilasciate dalle cooperative e dai vari enti, sulle quali sono ben leggibili le dichiarazioni di non assunzione di responsabilità su eventuali danni o furti subìti dal veicolo in sosta. «Della serie: pagate e poi vedetevela voi se vi rubano la macchina.
Dopo l’accesso agli atti, valuteremo eventuali azioni nei confronti degli enti che, non rendendo alcun servizio al cittadino, pretendono esosi tributi per una semplice sosta di fronte ad una spiaggia libera - si legge nel comunicato del Codacons - Gli utenti hanno più volte lamentato disagi e inconvenienti che anziché migliorare il periodo di ferie ha prodotto loro non pochi danni soprattutto morali, ed in qualche caso anche economici, da cui potrebbe derivare “un danno da vacanza rovinata”, legalmente riconosciuto dalle più recenti sentenze della Suprema Corte di Cassazione e dalla dottrina dominante, perseguibile anche contro le pubbliche amministrazioni».
Mario Fortunato

News pubblicata il 08-08-2007, letta 1401 volte
Segnala questa notizia ad un amico



Altre Notizie di Sapri Naviga Sapri
Immagini di Sapri Attività commerciali a Sapri