Morigerati
Comune di Morigerati
Scrivi nel FORUM di Morigerati
Ultime Notizie a Morigerati
» Inaugurazione della Scuola di Politica, Cittadinanza e Sviluppo Locale
» Risultati Elezioni Europee
» Per l'estate, il paese diventa albergo
» La cittadina diventa paese-albergo

Proverbi di Morigerati:
nun c'è chi m'avanta e m'avantu io

Soprannomi di Morigerati:
ciccottu

La Storia

Morigerati si trova nell'entroterra del Golfo di Policastro, lungo il corso del Torrente Bussentino a circa 260 metri. È sito sulla sommità di una rupe che domina l'oasi WWF della forra di Morigerati. Morigerati nacque nel VIII sec. d.C. grazie all'arrivo di un gruppo di monaci greco-orientali. I monaci custodivano la Sacra Icona di San Demetrio, oggi conservata nel Santuario. L'abitato venne fortificato durante la dominazione angioina. Risale a quest'epoca, la costruzione del CASTELLO BARONALE che fu la residenza dei signori che si succedettero al governo.
Nel XIV sec. Morigerati entrò a far parte dei possedimenti dei Conti Sanseverino.
La cittadella offre un centro storico, in cui possiamo trovare stradine acciottolate,cortili impreziositi da splendidi portali. E si può visitare un Museo della Civiltà Contadina, che documenta gli usi ed i costumi cilentani.


Turismo & luoghi di interesse


La flora è costituita da macchia mediterranea.
Le acque si presentano limpide e ospitano una fauna rigogliosa con trote, gamberi di fiume e granchi di fiume. Tra i mammiferi possiamo trovare l’istrice, gatti selvatici e lupi.
Tra gli uccelli sono molto noti i rapaci: gheppio astore, nibbio bruno, nibbio reale, e il corvo imperiale.


FORRA DI MORIGERATI (OASI WWF)


La profonda forra di Morigerati è sede di una meravigliosa oasi naturale WWF. E’ raggiungibile percorrendo un sentiero attrezzato che comincia nei pressi dell'abitato di Morigerati. Con i suoi oltre 200 ettari di macchia mediterranea, La lontra, altrove scomparsa, in questi posti la si può trovare.

Museo della civiltà contadina


E’ nato nel 1976e all’ interno vi si può ammirare la vasta collezione di oggetti della Fondazione Florenzano, che ci racconta il vissuto quotidiano delle popolazioni. Si possono apprezzare inoltre attrezzi per l'agricoltura e per la pastorizia, tutto l'occorrente per la lavorazione artigianale del lino, attrezzi da falegname e da fabbro, attrezzi per la lavorazione della cera d'api, oggetti d'uso domestico.

Castello Baronale


Del palazzo si può apprezzare: il cortile con un portone datato 1708, la cappella gentilizia con una statua della Madonna del 1600, ed infine il loggiato con affreschi.

Altri Luoghi di interesse
Ponte medioevale
Castello baronale
Il centro storico
Palazzo Florenzano "Il castello"
L'antica Cereria
Basilica di San Demetrio
Museo etnografico
Grotte del Bussento
Oasi del WWF
Mulino ad acqua




Feste e Manifestazioni

Feste Religiose
San Demetrio 26/08
San Demetrio 26/10

Manifestazioni estive
Sagra dei "cavatieddi" gnocchi
Sagra dei fusilli