HOME Notizie Impiegato punito torna all’ufficio ticket
SAPRI: IMPIEGATO PUNITO TORNA ALL’UFFICIO TICKET

Articolo tratto da: "Il Mattino"

Vittoria bis per il dipendente dell’Ufficio ticket del distretto sanitario nei confronti del direttore dell’ufficio.
Con sentenza emessa dal Giudice del lavoro di Sala Consilina (magistrato Sabrina Calabrese) il dipendente dell’Asl Sa 3 Bruno Graziano è stato reintegrato definitivamente nelle mansioni di assistente amministrativo svolte presso il distretto sanitario di Sapri. La vicenda risale all’estate del 2002 quando il dipendente dell’azienda sanitaria - dopo circa 8 anni di lavoro presso lo sportello ticket- si vide trasferito improvvisamente all’ufficio di meccanizzazione.
Il provvedimento emesso dal direttore del distretto sanitario Giuseppe Del Prete (che detiene anche l’incarico di vicesindaco al comune di Sapri nella giunta guidata da Vito D’Agostino) giunse in concomitanza con le elezioni amministrative che videro candidati in liste opposte sia il dipendente che il funzionario dell’Asl Sa 3. Graziano, ritenendo immotivato il provvedimento adottato nei suoi confronti, impugnò l’atto e ottenne il reintegro del posto (con procedura d’urgenza, ex articolo 700), dopo poco più di un mese, dal magistrato Giovanni Favi.
A distanza di sei anni lo stesso Tribunale di Sala Consilina - Sezione Lavoro - conferma «l’illegittimità del provvedimento n. 3299 del 30 maggio 2002 emesso dal direttore del distretto sanitario di Sapri» restituendo definitivamente le vecchie mansioni al dipendente saprese e rigettando ogni altra domanda.
L’Asl dovrà pagare anche la metà delle spese di lite che ammontano a circa 3500 euro compensandole per la residua metà. La vicenda relativa al trasferimento di Graziano aveva procurato scalpore al momento in cui si verificarono i fatti (proprio per la concomitanza delle elezioni amministrative) e altri guai giudiziari a Del Prete che qualche alcuni mesi fa ha dovuto subire la condanna, per abuso d’ufficio, a sette mese di reclusione e l’interdizione dei pubblici uffici (pene sospese) e il pagamento delle spese processuali stabilite in circa 2000 euro.
Soddisfazione da parte di Bruno Graziano che annuncia anche ricorso per il riconoscimento dei danni procuratigli dalla vicenda. «Era un provvedimento da tutti ritenuto un castigo politico nei miei confronti. La sentenza del Tribunale di Sala Consilina fa piena giustizia di una vicenda che mi ha procurato non pochi problemi».
Il dipendente saprese è stato difeso dall’avvocato Maria Sorrentino dello studio legale Maldonato di Sapri che ha trattato l’intera vicenda giudiziaria anche a livello penale.
«La sentenza del Giudice del Lavoro conferma la valutazione dell’illegittimità già accertata in sede penale del provvedimento adottato nei confronti del nostro cliente» commenta l’avvocato Franco Maldonato.
Mario Fortunato
News pubblicata il 12-06-2008, letta 277 volte
Segnala questa notizia ad un amico



Altre Notizie di Sapri Naviga Sapri
Immagini di Sapri Attività commerciali a Sapri