HOME Notizie Abusi sessuali su una giovane disabile condannato a quattro anni di carcere
ROCCAGLORIOSA: ABUSI SESSUALI SU UNA GIOVANE DISABILE CONDANNATO A QUATTRO ANNI DI CARCERE

Articolo tratto da: "Il Mattino"

Diede un passaggio ad una ragazza di Roccagloriosa affetta da patologie psichiche ma, invece di accompagnarla a destinazione, la costrinse a subire atti sessuali in auto. Il cinquantenne V.Z., del posto, è stato condannato dal tribunale di Vallo della Lucania a 4 anni di reclusione per violenza sessuale.
La sentenza arriva a 9 anni dai fatti, tra indagini preliminari e giudizio di primo grado. A pronunciarsi il collegio presieduto da Claudio Tringali e composto da Valeria Cerulli e Elisabetta Catalanotti. Una sentenza storica, per i legali Annamaria Perilli e Riccardo Ruocco, che hanno rappresentato le parti civili, perché «contribuirà - spiegano - alla risoluzione di dibattute questioni giurisprudenziali, come l'ammissibilità delle dichiarazioni delle persone "incapaci" offese da abusi sessuali e il positivo giudizio di attendibilità delle loro dichiarazioni».
I fatti oggetto del giudizio risalgono all'11 febbraio 1999, quando la trentenne di Roccagloriosa in condizioni di inferiorità psichica accettò un passaggio da V.Z. che, invece di portarla a destinazione, deviò il percorso e la costrinse a fermarsi per due ore all'interno dell'auto posteggiata in un luogo isolato fuori paese dove la giovane subì atti sessuali.
Nonostante l'uomo avesse fornito un'identità falsa alla ragazza, fu individuato grazie alla descrizione fornita dalla giovane e al successivo riconoscimento davanti ai carabinieri. Il collegio giudicante, dopo aver esaminato le risultanze dibattimentali acquisite in anni di causa, ha ritenuto penalmente accertata la responsabilità del cinquantenne e lo ha condannato a 4 anni di reclusione con la pena accessoria dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici.
Soddisfatte le parti civili. «La decisione rende giustizia a una famiglia devastata dal dolore per i gravissimi fatti accertati - spiegano i legali Perilli e Ruocco - ma contribuisce anche a risolvere controverse questioni di giurisprudenza.
In troppi casi, infatti, le condizioni di inferiorità psichica o quelle legate alla minore età della persona offesa rappresentano un ostacolo processuale insormontabile ai fini dell'accertamento della verità. In tale contesto, nell'attesa di poter esaminare le motivazioni della decisione, va apprezzato il delicato lavoro compiuto dai giudici del tribunale di Vallo».
el.ma.
News pubblicata il 25-05-2008, letta 2385 volte
Segnala questa notizia ad un amico



Altre Notizie di Roccagloriosa Naviga Roccagloriosa
Immagini di Roccagloriosa Attività commerciali a Roccagloriosa